Che cos’è lo charme?

“La bellezza comincia nel momento in cui decidi di essere te stessa”. Coco Chanel . “Charme” è una parola francese il cui significato indica un insieme di avvenenza, eleganza, fascino e stile. L’attrattiva e il fascino di una donna infatti sono qualcosa che va ben oltre un semplice insieme di elementi che rispettano i “canoni classici” di bellezza, anche perché questi “standard” sono diversi a seconda del periodo e del luogo: quello che è giudicato un bel naso nella cultura occidentale, per gli orientali è un nasone, mentre la silhouette filiforme tanto desiderata da molte di noi è considerata poco attraente in culture in cui la donna deve essere dotata di curve prosperose. Il fascino femminile, che è impermeabile al tempo, al luogo e al cambiare delle mode, è invece dato da un equilibrio armonioso di colori e forme e dall’effetto d’insieme di molti elementi, fra i quali la personalità e il modo di porsi nei confronti degli altri: in una parola, lo charme. Possiamo quindi dire che lo charme è dato dall’armonia di volto, fisico e personalità, il tutto valorizzato dalla femminilità che ognuna di noi esprime. . . Non a caso, un volto non regolare ma interessante, che riflette una personalità determinata, risulta assai più attraente rispetto ad un volto privo di difetti ma che si dimentica facilmente, così […]

Continue reading

Lo stile, chiave della femminilità

. Lo spunto per tenere questo blog mi è venuto qualche tempo fa, in una mattina di inizio primavera, quando mi è capitato per caso di passare davanti ad una delle sedi universitarie di Firenze (dove abito) proprio nel momento in cui ne usciva una neo-laureata, circondata da una piccola folla di parenti ed amici festanti. Che la ragazza si fosse appena laureata, l’ho dedotto da un’inequivocabile corona di alloro in testa. E anche dal fatto che stava uscendo da una facoltà universitaria nel giorno in cui si discutevano le tesi di laurea. Il che faceva pensare che, nonostante tutto, si doveva trattare proprio di una neolaureata. Tutto il suo aspetto però, faceva pensare a qualcosa di totalmente diverso. Infatti, oltre ad essere truccata e pettinata come un’attrice di avanspettacolo, la malcapitata era così incredibilmente abbigliata: abito in pizzo, borsetta in velluto rivestita di strass, scarpe nere con strass, con plateau di 4-5 centimetri e tacco da 14 (almeno). Evidentemente non avvezza a portare i tacchi (e che tacchi!), la sventurata, fatti pochi passi incerti sul selciato, ha inciampato, cascando a terra fra il clamore generale. Rialzatasi a fatica dalla caduta, la neo-dottoressa, scrollatasi la polvere di dosso, ha proseguito nel suo incedere con passo malfermo. Sembrando reduce da abbondanti […]

Continue reading